Fragole destinate a marcire?

Finito lo sciopero, restano le macerie

Articolo pubblicato sul Fresh Plaza 25 Feb 2022

Continuiamo a ricevere feedback negativi dallo sciopero degli autotrasportatori, che lascia strascichi non indifferenti, nonostante lo sblocco dei tir di ieri sera.

L’azione di protesta degli autotrasportatori ha creato disagi enormi alla filiera ortofrutticola e all’intera rete di approvvigionamento italiana. Abbiamo raccolto da Ragusa la testimonianza di Gianni Lo Magno, che coltiva fragole fuorisuolo su 5 ettari. “Le fragole, molto deperibili, hanno rischiato di non poter essere commercializzate e di marcire – ha detto Lo Magno – perché i camion sono rimasti fermi per giorni e senza preavviso. Le celle frigorifere infatti sono quasi piene e, a breve, non avremo più spazio per accogliere il prodotto che adesso deve essere rapidamente smaltito”.

Un amaro sfogo, quello dell’amministratore di Only Sicilian Vegetables, un’azienda giovane e proiettata verso produzioni di qualità, coltivate in strutture tecnologiche proprio per ottenere il massimo in termini di proprietà organolettiche.

“In questo momento di totale confusione nella logistica – ha proseguito Lo Magno – rischiamo di subire danni irreparabili, a causa della mancata consegna delle fragole nei tempi concordati. La nostra azienda, nata dall’unione di quattro produttori, fin qui ha potuto contare sull’appoggio di clienti esteri che erano interessati a questo prodotto. Ci sono voluti grossi investimenti e tanti sacrifici, non solo per la produzione, ma anche per trovare i canali commerciali. Ora questi referenti avranno necessariamente iniziato a guardare verso altre produzioni, lontane dalla Sicilia, intaccando quella stabilità nel rapporto di fornitura che avevamo raggiunto con tanto impegno”.

“Iniziavano ad arrivare le prime soddisfazioni – ha raccontato, molto dispiaciuto, il produttore – e le fragole ci venivano pagate 3 euro al kg, come prezzo alla produzione. Ora tutto questo rischia di andare in fumo, così come la nostra merce e, fattore ancor più determinante, la reputazione che ci siamo fin qui costruiti”.

Gianni Lo Magno

E se con le fragole va malissimo, non va di certo meglio con le altre referenze dell’azienda, perché in questo momento tutto dipende dai trasporti. Lo Magno e soci, infatti, producono zucchine, pomodorini cherry e datterino in regime di agricoltura controllata che, al pari delle fragole, non troveranno al momento una collocazione sui mercati. L’azienda Only Sicilian Vegetables conferisce interamente le proprie produzioni all’OP AlbaBio.

Data di pubblicazione: ven 25 feb 2022
Author: Gaetano Piccione
© FreshPlaza.it

Questo elemento è stato inserito in News. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.